Cripta del Santo Sepolcro

Crediti: Maurizio Montagna


1030

Descrizione

La chiesa di San Sepolcro fu fondata nel 1030, quando un monetiere di Milano di nome Rozzone fece erigere sull’antico foro romano una chiesa inizialmente consacrata alla Santissima Trinità. Il 15 luglio 1100, dopo la riconquista di Gerusalemme, la dedicazione venne cambiata in “chiesa del Santo Sepolcro”, a memoria di questo straordinario evento. A motivare questa titolazione è la presenza, sin dalle origini, di una vera propria chiesa ipogea contenente la copia del sepolcro di Cristo e al cui interno, secondo la tradizione, venne posta la terra prelevata dai Crociati a Gerusalemme. Luogo di profonda sacralità, nel XVI secolo la chiesa inferiore di San Sepolcro fu scelta da san Carlo Borromeo come personale luogo di preghiera, dove si recava ogni mercoledì e venerdì pomeriggio.  La cripta contiene inoltre una delle testimonianze più antiche della storia della città: la pavimentazione proviene infatti dal foro romano del IV secolo, la piazza principale dell’antica Mediolanum. Nel 1928, con la soppressione della Parrocchia di San Sepolcro, la chiesa venne acquisita dalla Biblioteca Ambrosiana, che ancor oggi la amministra.

Recentemente la cripta è stata oggetto di un complesso intervento di restauro finanziato dal MIBAC e terminato nel 2019, volto principalmente al recupero delle superfici decorate. 

Informazioni

Piazza S. Sepolcro

Mezzi pubblici
Metro: M1
Bus: Tram 1, 12, 14

Max 25 persone per volta
con prenotazione su sito Open House Milano e rush line
Accesso disabili: No



Fatta eccezione per i tour ed eventi all'aperto è sempre obbligatoria la mascherina chirurgica o FPP2. Consulta le note di ogni visita per eventuali disposizioni aggiuntive fornite dai gestori. In previsione di ulteriori aggiornamenti, ti invitiamo a consultare nuovamente il sito prima di recarti nei luoghi.



Mappa