Altavia



Lazzaro Raboni, 2000

Descrizione

Un’ex riseria, di caratteristica tipologia industriale, ampliata nel 1937 si affaccia, per un solo lato, sull’alzaia del naviglio pavese. Il fronte maggiore è prospiciente il cortile interno sul quale sorrgono una palazzina residenziale del 1935 e altri edifici di minor importanza nati negli anni successivi.

Il progetto è stato portato avanti in diverse fasi a partire dal 2000, ha mantenuto le caratteristiche tipologiche dell’edificio. Sono stati conservati i vecchi solai  in ferro e legno, i serramenti in ferrofinestra e il caratteristico open space dello spazio industriale.

All'interno trova spazio la sede di un'importante agenzia di comunicazione e publishing. Negli interni si è voluto preservare molto il carattere industriale dello spazio, valorizzando la pavimentazione originale in legno e creando isole di lavoro con il semplice posizionamento di scaffalature metalliche e setti in compensato ad altezza ribassata.

L'espansione-integrazione dei corpi annessi all’edificio principale, che ospitano il ristorante Distreat tendono alla riconferma della caratteristica industriale del luogo con l’utilizzo di serramenti in alluminio, ma con un disegno che richiama i tradizionali profili in ferro, per creare uniformità tra i diversi edifici, ricostruendo una corte interna protetta utile per le diverse attività della realtà di Altavia.

Lo spazio nel complesso si caratterizza come un punto di incontro e ritrovo per la comunità del quartiere in tutto l'arco della giornata.

 

Informazioni

Alzaia Naviglio Pavese 78/3

Mezzi pubblici
Metro: M2 Romolo
Bus: Bus 90, 91

Max 10 persone per volta
con prenotazione su sito Open House Milano e rush line
Accesso disabili: Si

https://www.altavia.it/

Per l'accesso è necessario esibire la certificazione verde COVID-19 (green pass) o presentare il referto negativo di un tampone rapido effettuato nelle 48 ore precedenti.

Orari

Sabato
/ 10:00 / 11:00 / 12:00 / 14:00
Domenica
Chiuso
Le prenotazioni sono chiuse.



Mappa